La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Secondo quanto riporta il sito infoafrica.it, l'’adesione all’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) consentirà all’Algeria di facilitare i propri scambi e di “invadere” i mercati esteri: lo ha detto martedì durante una conferenza organizzata ad Algeri il presidente del Consiglio economico nazionale,

sociale e ambientale (Cnese), Rédha Tir, ripreso dall’Algerie presse service. Tir ha sottolineato che le regole di libero scambio “eque” stabilite da organizzazioni come il Wto consentiranno all’Algeria di “invadere” nuovi mercati esteri, cosa che richiederà “uno shock” all’apparato produttivo interno. Tir ha dichiarato che il Cnese “trasferirà un approccio ambizioso”, nelle sue raccomandazioni, affinché l’Algeria possa aderire al Wto, ricordando che questo resta un parere “consultivo” e che la decisione spetterà a il governo.

Secondo Tir l’adesione dell’Algeria al Wto costituirà “la terza generazione delle sue riforme” che porteranno all’integrazione internazionale, continentale e regionale. La prima generazione di riforme riguarda gli equilibri macroeconomici (bilancia commerciale e di bilancio), mentre la seconda generazione è strutturale (partenariati pubblico-privato, diversificazione degli investimenti o addirittura apertura del capitale delle imprese pubbliche, comprese le banche). Il Presidente del Cnese ha rilevato che l’Algeria è riuscita a sciogliere un buon numero di riserve formulate dal Wto, che ne ostacolavano l’adesione, citando in particolare l’apertura agli investimenti: l’adesione dell’Algeria a quasi 57 accordi commerciali internazionali bilaterali ea quasi dieci accordi ambientali “rafforza la sua candidatura”, ha aggiunto.

Gli accordi continentali e regionali firmati dall’Algeria, come quello dell’Area di libero scambio continentale (Afcfta), della Area araba allargata di libero scambio (Gzale) o l’accordo di associazione commerciale con l’Unione Europea, dovrebbero costituire “leve” per consentirle di accedere accordi globali come quello con il Wto.Fonte: https://www.infoafrica.it/ (ICE ALGERI)