La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

L'economia è cresciuta dell'1,9% nel terzo trimestre, portandosi ad un livello più alto di prima della pandemia per la prima volta dallo scoppio della crisi del coronavirus. Lo ha riferito Statistics Netherlands (CBS). La crescita è stata più robusta di quanto gli economisti avessero previsto,

principalmente causata dall'aumento della spesa delle famiglie. In effetti, nel primo trimestre di quest'anno, con le restrizioni dello scorso inverno, la ripresa economica non era così evidente. Tuttavia, alla fine del secondo trimestre, il prodotto interno lordo (PIL) era già quasi lo stesso della fine del 2019. Oltre all'aumento dei consumi delle famiglie, anche i consumi pubblici hanno dato un contributo positivo alla crescita, soprattutto per i test del coronavirus e la vaccinazione da parte del Dipartimento della sanità pubblica (GGD), mentre gli investimenti sono diminuiti. Le famiglie hanno speso di più per cose come la ristorazione, lo svago e la cultura, settori precedentemente bloccati a causa della crisi di Covid-19, ma anche per l'abbigliamento, ora che le abitudini sono tornate, almeno in parte, ad essere quelle di prima.  (ICE BRUXELLES)