La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Si è tenuta alla Farnesina, presieduta dal Sottosegretario agli Affari Esteri On. Manlio Di Stefano, la IX sessione della Cabina di Regia interministeriale sulla Geopolitica dell’Energia e del Clima, la prima aperta non solo alle imprese pubbliche di settore ma anche alla società civile e ai think tank.

Sono state inquadrate le principali sfide e opportunità per l’Italia all’indomani del G20 a guida italiana e della COP26 di Glasgow e discusse le questioni energetiche dell’area mediterranea. Attenzione è stata inoltre dedicata alle più recenti evoluzioni del pacchetto normativo “Fit for 55” presentato dalla Commissione UE nel luglio scorso nonché alle dinamiche di crescita dei prezzi dell’energia in Europa e alle strategie per contenere gli aumenti nel medio-lungo periodo.

“Per essere attuato in modo sostenibile e credibile – ha dichiarato il Sottosegretario agli Affari Esteri Manlio Di Stefano – il passaggio dalle fonti più inquinanti alle energie rinnovabili richiede adeguate misure transitorie e imponenti strumenti di finanza climatica, in particolare a sostegno dei Paesi più vulnerabili. L’Italia ha fatto molto, impegnandosi a versare 1,4 miliardi di USD annui, per i prossimi 5 anni, che contribuiranno tra l’altro al Fondo Verde per il Clima delle Nazioni Unite. Auspichiamo inoltre una nuova emissione ad hoc di Diritti Speciali di Prelievo da parte del Fondo Monetario Internazionale per la lotta al cambiamento climatico. Si tratta di sfide particolarmente complesse, che hanno riflessi sulla vita di tutti i cittadini. È per questo che abbiamo voluto per la prima volta aprire la Cabina di Regia alla voce della società civile, che ha fornito un interessante contributo.”

“La Cabina di Regia sulla geopolitica dell’Energia e del Clima si conferma – ha concluso il Sottosegretario Di Stefano – un foro di discussione concreto che consente alle istituzioni di confrontarsi tra loro e di cementare un rapporto tra istituzioni e mondo delle imprese che è fondamentale per contribuire a perseguire al meglio l’interesse nazionale.”