La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato ii dettagli dell’emissione tramite sindacato del nuovo benchmark BTP a 30 anni, con scadenza 1° settembre 2052 e cedola annua del 2,15%. Hanno partecipato all’operazione oltre 350 investitori per una domanda

complessiva pari a circa 55,9 miliardi di euro. La maggiore quota del collocamento è stata sottoscritta da fund manager (il 45,6%), mentre le banche ne hanno sottoscritto il 34,3%. Gli investitori con un orizzonte di investimento di lungo periodo hanno acquistato il 14,6% dell’emissione (in particolare il 6,8% è andato a fondi pensione e assicurazioni, mentre il 7,8% è stato allocato a istituzioni governative). Agli hedge fund è stato allocato il 5,2% dell’ammontare complessivo, mentre una quota residuale dello 0,3% è stata sottoscritta da imprese non finanziarie.

La distribuzione geografica del titolo è stata estremamente diversificata, con una partecipazione che ha visto il coinvolgimento di circa 35 paesi: gli investitori esteri si sono aggiudicati la maggior parte dell’emissione (74,9%), mentre gli investitori domestici ne hanno sottoscritto il 25,1%. Tra gli investitori esteri, la quota più rilevante del collocamento, circa il 67,8%, è stata sottoscritta da investitori europei, provenienti in particolare da Regno Unito (23,5%), Germania, Austria e Svizzera (12,6%), Francia (9,6%), penisola iberica (7%), paesi scandinavi (5,4%), Grecia (4,2%) paesi dell’Europa centro-orientale (4%) e Benelux (1,5%). Il resto dell’emissione, pari al 7,1%, è stato collocato al di fuori dell’Europa, in particolare in Asia (4,2%) e nel Nord America (2,2%), mentre una quota residuale pari allo 0,7% è stata allocata ad altri investitori non europei.

Il collocamento è stato effettuato tramite la costituzione di un sindacato composto da Barclays Bank Ireland PLC, BNP Paribas, Deutsche Bank A.G, Intesa Sanpaolo S.p.A. e J.P. Morgan AG che hanno partecipato in veste di lead manager, e dai restanti Specialisti in titoli di Stato italiani invitati a partecipare in qualità di co-lead manager.