La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Gli ingressi dell’erario messicano derivati dal pagamento delle tasse doganale hanno avuto una crescita importante durante il 2021.I punti di ingresso che hanno sollevato di più sono stati:

Nuevo Laredo, Manzanillo, Veracruz, Lázaro Cárdenas, Mexico City International Airport, Tuxpan, Altamira e Ciudad Juárez. La riscossione delle tasse per l'importazione di merci, nei punti doganali di entrata in Messico, ha registrato la cifra storica di 1,4 miliardi di pesos, secondo la Secretaría de Haciendo y Crédito Público (SHCP). La raccolta nel 2021 è stata di 133.000 milioni di pesos in più rispetto al 2020, una crescita reale del 15,39%. Rispetto al 2019, i proventi dello scorso anno sono stati di $ 30 miliardi di pesos in più.

Nuevo Laredo, Manzanillo, Veracruz, Lázaro Cárdenas, Mexico City International Airport, Tuxpan, Altamira, Ciudad Juárez, Coatzacoalcos e Matamoros, sono le dogane che hanno raccolto di più sono state. Ojinaga e Mexicali hanno avuto un aumento del 410% e del 43% rispetto al 2020. Allo stesso modo, Ciudad Camargo ha raggiunto, per la prima volta, una cifra di oltre 11 miliardi di pesos, raddoppiando le sue entrate rispetto all'anno precedente. Nel 2021, le dogane che sono cresciute di più in numero di operazioni sono state: Ojinaga, Torreón, San Luis Río Colorado, Ciudad Miguel Alemán, Ciudad Camargo, Agua Prieta e Mexicali hanno avuto più attività economica e derivato dalla lotta alla corruzione e dall'integrazione delle forze armate. (ICE CITTÀ DEL MESSICO)