La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Secondo un nuovo studio della National Bank of Kuwait, l'economia del Bahrain dovrebbe crescere del 3% nel 2022 grazie all'aumento dei prezzi e della produzione di petrolio. Si prevede che il saldo di bilancio nel Paese, che ha registrato una crescita del 2,2% del suo prodotto interno

lordo nel 2021, ritornerà in avanzo quest'anno."In effetti, il governo potrebbe registrare il suo primo avanzo fiscale in 14 anni nel 2022, raggiungendo l’obiettivo [ritardato dalla pandemia] di pareggiare il bilancio entro il 2024" è quanto affermato nello studio. 

Il mese scorso, Moody's Investors Service ha rivisto le sue prospettive per il Bahrain da "negativo" a "stabile" poiché l'economia del paese sta beneficiando degli alti prezzi del petrolio e delle importanti misure fiscali attuate dal governo locale."Vediamo il bilancio oscillare da un disavanzo del 3,7% del PIL nel 2021 a un piccolo avanzo durante quest'anno ed il prossimo. Oltre al balzo delle entrate petrolifere, le entrate non petrolifere aumenteranno a circa il 6,2% del PIL nel 2022-2023 grazie all'impatto dell’IVA maggiorata (10%) e delle maggiori tasse sui cittadini", ha affermato NBK.La NBK prevede che la crescita non petrolifera del Bahrain sarà del 3% nel 2022, leggermente migliore rispetto allo scorso anno, in parte a causa delle restrizioni legate al Covid-19 in gran parte revocate nel primo trimestre del 2022 e che non sono state reimposte.

Anche i segmenti del turismo e dell'ospitalità del Bahrain dovrebbero continuare la loro ripresa, mentre il settore degli idrocarburi dovrebbe espandersi leggermente in conformità con i previsti aumenti della produzione di petrolio dall'alleanza Opec+.L'inflazione in Bahrain è salita al massimo degli ultimi sei anni del 3,2% su base annua a febbraio, principalmente a causa del raddoppio dell'IVA al 10% da gennaio. Grazie alla ripresa della domanda e all'aumento dei prezzi delle materie prime globali, l’inflazione aumenterà almeno del 3% nel 2022-23, secondo le proiezioni della NBK. (ICE Doha)