La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Diplomazia pubblica, l'Ambasciata del Messico in Italia festeggia il #centenario @EmbaMexIta https://t.co/0RdT808ny5 via @TribunaEconomic
#BTPItalia diciassettesima emissione: tasso annuo definitivo pari all’1,60% @MEF_GOV https://t.co/AclG9OYOPI’1,60.html via @TribunaEconomic
Componentistica nautica genera in #Europa giro d’affari da 6,6 miliardi di euro https://t.co/3g0mBz64eb’affari-da-6… https://t.co/s6bYPHstOv

Un nuovo pneumatico senza aria, resistente quanto quello convenzionale, ha fatto dei passi avanti verso il lancio su strada grazie ai progressi compiuti dalla Toyo Tires (https://www.toyotires-global.com/), un’azienda giapponese con sede alla periferia di Osaka. Gli pneumatici senza aria non

si sgonfiano mai e non necessitano di controlli regolari della pressione per prevenire gli scoppi.

Sin da quando l’azienda aveva iniziato a sviluppare lo pneumatico "no air" nel 2006, la principale preoccupazione era costituita dalla durata del prodotto. Il design originale - di proprietà della Toyo Tires - è caratterizzato da raggi incrociati, ispirati alle sedie pieghevoli, che hanno lo scopo di assorbire gli urti della strada come fa l'aria in un pneumatico convenzionale. Dopo molteplici perfezionamenti, i raggi sono ora 10 volte più resistenti di quanto non fossero in origine, la resistenza alla rottura degli pneumatici è aumentata del 40% circa e le loro prestazioni sono paragonabili a quelle degli pneumatici tradizionali.

Nonostante una produzione sperimentale sia iniziata nel 2021, gli attuali standard di sicurezza giapponesi basati su pneumatici convenzionali non ne consentono l'utilizzo sulle strade pubbliche. Pertanto inizialmente la Toyo intende commercializzare gli pneumatici per i veicoli da utilizzare su proprietà private, come campi da golf e parchi di divertimento.

Gli elevati costi di produzione continuano ad essere un problema che la Toyo prevede di affrontare attraverso misure quali l'automazione. Con la trasformazione del settore dei trasporti e grazie a sviluppi quali l'adozione di veicoli elettrici e la tecnologia di guida autonoma, inoltre, l’azienda auspica che "anche la domanda di pneumatici cambierà".  (ICE TOKYO)