La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Diplomazia pubblica, l'Ambasciata del Messico in Italia festeggia il #centenario @EmbaMexIta https://t.co/0RdT808ny5 via @TribunaEconomic
#BTPItalia diciassettesima emissione: tasso annuo definitivo pari all’1,60% @MEF_GOV https://t.co/AclG9OYOPI’1,60.html via @TribunaEconomic
Componentistica nautica genera in #Europa giro d’affari da 6,6 miliardi di euro https://t.co/3g0mBz64eb’affari-da-6… https://t.co/s6bYPHstOv

Nella Canton Tower situata nel distretto di Haizhu, punto di riferimento della metropoli cinese meridionale di Guangzhou, Zhang Ling, signore originario della provincia di Sichuan, nel sud-ovest della Cina, ha appena comprato un souvenir. Nulla di particolare se non che per la prima volta ha scelto di

pagare in yuan digitale: la valuta digitale cinese. “Credo che sia molto conveniente: ci ho messo meno di un minuto per scaricare l’applicazione e registrare un account”, ha detto Zhang. “Ci sono anche diversi sconti, quindi ho voluto provare”.

La Cina ha intensificato la promozione dello yuan digitale avviando programmi pilota. Dal 2017, il Paese ha testato l’uso della valuta digitale in oltre 10 località da Shenzhen a Shanghai, e nella Xiong’an New Area. L’uso dello yuan digitale è simile a quello di WeChat Pay e Alipay, popolari app di pagamento online. Con il codice QR o la tecnologia Near Field Communication (NFC), il pagamento può essere completato facilmente sui terminali mobili, sia degli acquirenti che dei commercianti. Ciò che rende diverso lo yuan digitale è che può essere utilizzato senza una rete.