La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

La batteria è il componente più importante dell'auto elettrica. Un nuovo studio dimostra che in nessun'altra parte d'Europa si produrranno presto così tante unità di batterie come in Germania.Nel nuovo mondo dell'auto, dove le vetture sono alimentate elettricamente, la Germania ha buone

possibilità di assumere un chiaro ruolo di leadership, almeno in Europa. Lo dimostra un'analisi inedita dell'Istituto Fraunhofer per la ricerca sui sistemi e l'innovazione di Karlsruhe, commissionata dal Ministero federale dell'Istruzione e della Ricerca.

Le celle della batteria sono considerate un componente chiave per le auto elettriche, rappresentando circa il 40% del valore aggiunto totale nella costruzione di auto elettriche. Secondo l’Istituto Fraunhofer, la Germania diventerà di gran lunga il principale sito produttivo europeo per questi importanti componenti, davanti a Gran Bretagna e Francia. A causa degli obiettivi più mirati per la protezione del clima nell'UE e del forte aumento delle vendite di veicoli elettrici, nei prossimi anni si prospetta un'ondata di investimenti in nuove fabbriche di celle per batterie. Gli esperti dell’Istituto Fraunhofer stimano che la capacità produttiva annua in Germania alla fine del decennio sarà di poco inferiore a 400 gigawattora, il che equivale matematicamente alle batterie di circa 6,5 milioni di auto elettriche. Finora i produttori europei di auto hanno dovuto importare la maggior parte delle batterie dall'Asia.In Germania, il Gruppo Volkswagen ha già cominciato la costruzione di fabbriche di celle per batterie a Salzgitter. (ICE BERLINO)