La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Interviste edizione cartacea e online #brasile #ambasciatore Ambasciata del Brasile a Roma  #HelioRamos https://t.co/Hp6yu2V6Zk
@allianztrade -@santander_sw CIB #two , #partnership per sviluppare una nuova soluzione Bnpl B2B dedicata alle m… https://t.co/RyjUmhbXXF
Italy: @UniCredit_IT - €750 million in additional loans to SMEs and mid-caps thanks to the EIB Group’s investment… https://t.co/LHLOYh8ABT
Alleanza tra @Enel e @costacrociere a favore della mobilità marittima sostenibile https://t.co/ANzMbeQk0r via @TribunaEconomic

 

Il tasso di perdita di foreste nel mondo è allarmante. Per l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), tra il 1990 e il 2020 sono andati persi 420 milioni di ettari di foresta a causa della deforestazione, un'area equivalente a quella dell'UE.

Col termine deforestazione si intende la distruzione delle foreste, in modo da poter destinare la terra ad altri usi. Per converso, il degrado forestale consiste in un processo più graduale legato alla perdita della capacità delle foreste di produrre benefici essenziali, come il legname o la biodiversità.

Questi processi avvengono principalmente nei tre principali bacini forestali: Amazzonia (Sud America), Congo (Africa centrale) e Sud-est asiatico. Un processo inverso sta accadendo invece nell'UE, dove, tra il 1990 e il 2020, le foreste sono aumentate del 10%. La perdita di foreste è un problema globale che l'UE vuole affrontare per combattere i danni ambientali e il cambiamento climatico.

La deforestazione e il degrado forestale sono principalmente conseguenze delle attività umane.

Agricoltura industriale.       L'agricoltura è il principale motore della deforestazione in tutte le regioni ad eccezione dell'Europa. La conversione delle foreste in terreni coltivati ​​è il principale motore della perdita di foreste. Secondo la FAO, è la causa di almeno il 50% della deforestazione globale, principalmente per la produzione di olio di palma e semi di soia.

Il pascolo del bestiame è responsabile di quasi il 40% della deforestazione globale. In Europa, la conversione in terreni coltivati ​​rappresenta circa il 15% della deforestazione e il 20% è dovuto al pascolo del bestiame.

Urbanizzazione.        Lo sviluppo urbano e infrastrutturale, compresa la costruzione e l'espansione delle strade, è la terza causa principale della deforestazione globale. Rappresenta poco più del 6% del totale. Eppure è la causa principale della deforestazione in Europa.

Sfruttamento eccessivo delle risorse legnose.       Altre attività dannose legate alle attività umane includono la raccolta eccessiva di legname, anche per il combustibile, e il disboscamento illegale o non sostenibile.

Cambiamento climatico.      Il cambiamento climatico è sia una causa che una conseguenza della deforestazione e del degrado forestale. Gli eventi estremi che provoca, come incendi, siccità e inondazioni, colpiscono le foreste. A sua volta, la perdita di foreste è dannosa per il clima, poiché le foreste svolgono un ruolo importante nel fornire aria pulita, regolare il ciclo dell'acqua, catturare CO2, prevenire la perdita di biodiversità e l'erosione del suolo.

Consumo dell'UE di beni prodotti su terreni deforestati.      Gran parte delle foreste tropicali convertite all'agricoltura vengono utilizzate per produrre beni commercializzati a livello globale. . Il consumo dell'UE rappresenta circa il 10% della deforestazione globale, principalmente olio di palma e soia, che rappresentano oltre i due terzi.

Secondo la valutazione d'impatto della Commissione europea, i principali prodotti importati nell'UE con provenienza da terreni disboscati sono: Olio di palma 34%. Soia 32,8%. Legno 8,6%. Cacao 7,5%. Caffè 7%. Gomma 3,4%. Mais 1,6%.

Verso un regolamento europeo sui prodotti senza deforestazione.      La deforestazione e il degrado forestale hanno un impatto sugli obiettivi ambientali dell'UE come la lotta ai cambiamenti climatici e alla perdita di biodiversità, ma anche sui diritti umani, la pace e la sicurezza. Questo è il motivo per cui l'UE sta lavorando per combattere la scomparsa delle foreste nel mondo.

Nel settembre 2022, il Parlamento ha fissato la propria posizione sul regolamento della Commissione sui prodotti privi di deforestazione, che richiederà alle aziende di verificare che i prodotti venduti nell'UE non siano stati prodotti su terreni deforestati o degradati. Il Parlamento vuole includere più prodotti nell'elenco e garantire che i diritti umani ei diritti dei popoli indigeni siano rispettati.
Nel luglio 2021 la Commissione ha presentato la nuova strategia forestale dell'UE per il 2030, che mira ad aumentare la quantità e la qualità delle foreste dell'UE e promuoverne il ruolo di pozzi di carbonio.