La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Approfondimenti e interviste per capire che cosa offre la #Russia agli investitori italiani @rusembitalyhttps://t.co/LFXXQgWXQH
#Italia in quattordicesima posizione tra i partner commerciali del #Texas https://t.co/5kqoWpjvX5
@ItalyExpo2020 : I mosaici di Sicis al Padiglione Italia. Nel Teatro della Memoria un vestito di luce per il Gemell… https://t.co/oOwOybDVtC
#Spagna -#Italia due Paesi destinati a capirsi per fare sistema. Intervista a #MarcoPizzi, Presidente #CCIE a… https://t.co/cISBUAzlgH

A maggio 2011 l’indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito dello 0,6% rispetto ad aprile. Nella media del trimestre marzo-maggio l’indice è aumentato dell’1,6% rispetto al trimestre immediatamente precedente.

 

Corretto per gli effetti di calendario, in maggio l’indice è aumentato in termini tendenziali dell’1,8% (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 di maggio 2010). Nella media dei primi cinque mesi dell’anno la produzione è cresciuta del 2,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano, a maggio 2011, una crescita tendenziale per i raggruppamenti dei beni strumentali (+4,3%) e dei beni intermedi (+3,1%). Diminuiscono invece i beni di consumo (-1,5%) e, in modo più contenuto, l’energia (-0,4%).
Nel confronto tendenziale, i settori dell’industria caratterizzati da una crescita più accentuata sono: fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (+10,5%), attività estrattiva (+7,3%), metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo esclusi macchine e impianti (+6,6%).
Il settore che in maggio registra la diminuzione tendenziale più ampia è quello della fabbricazione di prodotti chimici (-6,8%).