La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Secondo i dati dell`istituto nazionale tedesco di statistica DESTATIS, nel 2013 i costi per ogni ora lavorata nel settore secondario e terziario sono aumentati del 2,4% rispetto al 2012. L`incremento riguarda sia i costi del salario lordo (2,5%) sia gli oneri complementari (2,1%). Nel panorama europeo gli 

aumenti più notevoli durante il terzo trimestre 2013 sono stati registrati nei paesi baltici: 8,1% in Estonia, 6,2 % in Lituania e 5,9% in Lettonia.
In Italia i costi del lavoro in riferimento al settore secondario e terziario sono aumentati nel terzo trimestre 2013 dello 0,4% rispetto allo stesso periodo del 2012. Gli oneri complementari hanno subito un lieve rialzo dello 0,3% mentre i costi del salario lordo hanno visto un rincaro dello 0,6%. Dati negativi invece per Cipro e per la Repubblica Ceca, con un ribasso dei costi del lavoro durante il terzo trimestre 2013 rispettivamente del 7,6% e del 2,5%. (ICE BERLINO)